Congresso Straordinario A.I.Fi. Milano 2018

Congresso Straordinario A.I.Fi. Milano 2018

Accelerazione. Questa potrebbe essere per Aifi la parola che riassume meglio l’evoluzione di molti iter legislativi che hanno subito una repentina spinta in avanti in questi ultimi mesi. Tra questi l’approvazione del “DDl Lorenzin” rappresenta indubbiamente una svolta storica che apre diverse porte: la costituzione dell’albo in seno all’ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica, la transizione degli iscritti AIFi verso l’albo, il ruolo e futuro di AIFI stessa dopo la costituzione dell’albo, il raggiungimento dei 50.000 (+1) iscritti necessari ad avere un ordine professionale “nostro”. Ma non possiamo certo tralasciare la legge Gelli sulla responsabilità, all’interno della quale un ruolo fondamentale sarà rappresentato da linee guida e buone pratiche redatte da società scientifiche mediche e tecniche iscritte ad apposito elenco. Essere presenti in questo contesto ci consentirebbe di continuare a rappresentare la professione nel luogo nel quale si decidono i ruoli che i Fisioterapisti avranno in alcuni ambiti di cura e/o percorsi terapeutici.
Per dar corso a questo progetto era obbligo modificare il nostro statuto adeguandosi a quanto previsto dalla normativa, punto che ha costituito il pilastro centrale del Congresso Straordinario svoltosi a Milano il 17 febbraio 2018, a latere del quale si è tenuta la Direzione Nazionale (il 16) e una giornata di formazione (il 18) che hanno preso in esame e affrontato gli altri punti su enunciati.
Riguardo ai punti inerenti l’ordine professionale, il percorso sarà impegnativo e, tramite la presenza in docenti ed esperti, sono stati delineati quali saranno gli elementi sui quali focalizzare l’attenzione nella creazione dell’ordine multialbo (organi, funzionamento), dell’albo dei Fisioterapisti (organi e attribuzioni), nella transizione degli iscritti dell’associazione all’albo (ruolo dell’associazione).
Bisogna senza dubbio rendere onore alla Direzione Nazionale e ad AIFi Lombardia che in breve tempo sono riusciti a mettere in moto una macchina organizzativa sicuramente efficace per accogliere quasi 300 delegati e per permettere lo svolgimento dei lavori. Importante la presenza dell’On. Gelli che, in qualità di estensore della legge 24/2017, ne ha illustrato gli elementi maggiormente salienti per la nostra professione.

Il Presidente Mauro Tavarnelli e l’On. Gelli

 

Nelle foto la delegazione Toscana

Submit a Comment